“Il favoloso quotidiano” in proiezione a Palermo

0
105
Morosito

Venerdì 15 maggio, alle 18, all’Auditorium Rai di Palermo (in viale Strasburgo 19), è in programma la proiezione de “Il Favoloso quotidiano”, lo storico documentario-intervista prodotto dalla Rai, che il giornalista e scrittore Vanni Ronsisvalle dedicò al poeta Lucio Piccolo nel 1967.
44 minuti, in cui Piccolo si racconta e racconta le atmosfere della Villa di Capo d’Orlando e che incomincia con le parole di Eugenio Montale che descrivono proprio i tre fratelli Piccolo e i luoghi in cui si sviluppò la poesia di Lucio, l’arte pittorica di Casimiro Piccolo e quella per la botanica di Agata Giovanna.
La proiezione è organizzata a cura della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, nell’ambito della “Settimana delle culture”. Saranno presenti, insieme al direttore di Rai Sicilia Salvatore Cusimano, il Maestro Vanni Ronsisvalle, il drammaturgo Aurelio Pes e Gabriella Renier Filippone, presidente della “Settimana delle Culture”. Introduce e modera il giornalista e scrittore Alberto Samonà. Ingresso libero fino ad esaurimento posti.
A distanza di 48 anni, l’intervista che Ronsisvalle fece a Lucio Piccolo, costituisce ancora oggi una testimonianza preziosa e unica per conoscere l’universo del grande poeta siciliano, che fu cugino dell’autore del Gattopardo Giuseppe Tomasi di Lampedusa. Dall’intervista-documentario viene, infatti, fuori la figura di un grande letterato, immerso nella quotidianità di Villa Piccolo insieme agli amatissimi familiari. Un documento prezioso, anche per la testimonianza di Eugenio Montale e perché consente al pubblico di entrare nella vita di ogni giorno di uno dei poeti più affascinanti della scena culturale e intellettuale del Novecento italiano.
Già direttore della redazione culturale del TG1, Vanni Ronsisvalle è stato autore di alcune celebri interviste con personaggi di primo piano della cultura mondiale, fra cui Pierpaolo Pasolini, Ezra Pound, Gunther Grass, Jean-Paul Sartre, Eugenio Montale, Andy Warhol, Peter Brook e José Saramago.