Operazione Fake, assolto Luigi Gullo

0
182

L’ex consigliere provinciale ed ex candidato sindaco di Patti Luigi Gullo è stato assolto dall’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di falsi in atto pubblico e reati elettorali. Gullo era stato coinvolto nell’operazione Fake sulla presunta compravendita di voti alle amministrative del 2011 a Patti. In particolare, all’ex consigliere provinciale del partito democratico veniva accusato di aver avuto rapporti con altre 10 persone, anch’esse indagate, per commettere una serie di reati collegati al trasferimento di residenza proprio racimolare voti a favore della compagine elettorale che sosteneva la candidatura a sindaco dello stesso Gullo alle ultime amministrative di Patti. A conclusione del rito abbreviato, il giudice del Tribunale di Patti Ugo Molina ha assolto Gullo “perché il fatto non sussiste”. Accolta, quindi, la tesi sostenuta dall’avvocato difensore Alessandro Pruiti Ciarello secondo cui i rapporti tra Gullo e gli altri 10 indagati si limitavano all’ambito politico e non vi sarebbe stato alcun illecito. Nello stesso processo è stata assolta con formula piena anche Santa Fiera, altra imputata che aveva chiesto il rito abbreviato. L’operazione Fake scattò il 7 marzo del 2013ad opera del commissaria tori di Polizia di Patti che eseguì, 12 misure cautelari: 7 persone vennero condotte agli arresti domiciliari e 5 tra obblighi e divieti di dimora, 114 le persone denunciate. Nell’udienza preliminare dello scorso giugno, il Tribunale di Patti ha deciso per gli indagati 93 rinvii a giudizio e 5 proscioglimenti.