Amministrative, trattative in corso

0
59

Si apre una settimana cruciale per la definizione degli schieramenti che si fronteggeranno alle amministrative del 31 maggio. Le liste, infatti, dovranno essere presentate dal 2 al 6 maggio e così le trattative si infittiscono. A Naso la situazione è piuttosto fluida: le candidature certe sono quelle del sindaco uscente Daniele Letizia e dell’ex primo cittadino Vittorio Emanuele. Per il resto, il cartello dei lavori in corso è bene in evidenza: Marcello Corrao e Gisella Pizzo hanno messo in campo la loro disponibilità, ma il punto è costruire un’alternativa forte e credibile. Le prossime 48 ore saranno decisive per stabilire un’eventuale terza candidatura.
A San Salvatore di Fitalia si naviga a vista ed il Comune è in attesa di una guida. La Regione, infatti, deve inviare un nuovo commissario straordinario al posto di Giovanni Corso, nominato commissario alla Provincia di Siracusa. Sul fronte delle candidature, tutto è in alto mare. Rosario Ventimiglia ha fatto sapere di essere pronto a ritirare la propria candidatura per fare posto ad altri. Una mossa mirata che ha spiazzato il gruppo vicino all’ex sindaco Giuseppe Pizzolante. Una parte di questo gruppo, infatti, non vedrebbe di buon occhio la candidatura di Ventimiglia. Si lavora per trovare una soluzione, mentre sull’altro versante, oltre ad Antonio Santoro che sta conducendo trattative per definire la lista, potrebbe venir fuori un altro nome. L’ex candidato sindaco Gabriella Lopresti in una lettera aperta, chiede ai giovani di San Salvatore di farsi avanti. “Io ho fatto un passo indietro quando è stato il momento di farlo – scrive la Lopresti – ma sono disposta a mettermi a fianco di tutti gli uomini e le donne di buona volontà che vogliono “veramente” il bene della nostra comunità  e  che, con spirito di responsabilità,  sono disposti, pur nelle difficoltà del momento, a mettersi in gioco per risolvere i numerosi problemi  che attanagliano il paese”. A Mirto, infine, l’unica candidatura al momento certa è quella del sindacalista Maurizio Zingales.