Tortorici, cede ancora l’elisuperficie e la Procura indaga

0
217
Morosito

Finisce in procura la vicenda relativa alla realizzazione dell’elisuperficie di contrada Sciara Tortorici. Gli ultimi giorni, infatti, la situazione della struttura si è aggravata col cedimento dei micropali che già da diverse settimane erano emersi dal terreno franato.
Già ai primi di marzo, infatti, l’opera neppure ultimata,  aveva manifestato gravi danni strutturali a cordolo e micropali di contenimento in seguito al cedimento del materiale di risulta sul quale l’intera struttura poggia. L’elipista di Tortorici, infatti, era in fase di costruzione su una vecchia discarica di rifiuti bonificata. Sito questo, contestato aspramente dall’associazione ambientalista Fare e dal movimento “Uniti per cambiare”. Una storia che parte da lontano, quando la precedente amministrazione guidata da Maurilio Foti aveva ottenuto  un finanziamento di poco meno di 200.000 euro per realizzare una elisuperficie nei pressi del campo sportivo. Al momento del suo insediamento, invece il nuovo esecutivo guidato dal sindaco Carmelo Rizzo, con l’avallo di Giunta e Consiglio ha fortemente voluto un hangar per elicotteri inserito nel progetto iniziale. Una scelta che ha portato all’individuazione del terreno in contrada Sciara ed ad un lievitare dei costi, visto che il comune ha dovuto reperire un nuovo finanziamento ma anche attingere un mutuo.
L’ hangar è stato in seguito rimosso dal progetto perchè faceva aumentare troppo i costi ma sono stati mantenuti ugualmente gli spazi con l’intenzione di costruire l’hangar in seguito.
I lavori erano fermi dal mese di luglio 2014 apparentemente senza motivo e nessuna comunicazione ufficiale era stata fatta a riguardo. Adesso, dopo gli ulteriori danni che rischiano di compromettere per sempre la realizzazione dell’opera, il gruppo politico Uniti per Cambiare ha presentato un esposto in Procura  affinchè siano accertate eventuali responsabilità sia nelle fasi di progettazione, di appalto e di costruzione della struttura.