Camelot, il 19 maggio l’udienza preliminare

0
205

E’ stata fissata al 19 maggio prossimo, al Tribunale di Patti, l’udienza preliminare nei confronti del senatore del Nuovo Centro Destra ed ex sindaco di Sant’Agata Militello, Bruno Mancuso. Di fronte al Gup anche Bernadette Grasso, deputato regionale per Fi e sindaco di Rocca di Caprileone. La richiesta di rinvio a giudizio, firmata dal sostituto procuratore della procura di Patti, Rosanna Casabona, è per tutti e 20 gli indagati nell’inchiesta “Camelot” sulla gestione di appalti per opere pubbliche nel comune di Sant’Agata di Militello. Un giro di oltre 100 milioni di euro nel periodo che va dal 2011 al 2012.
La procura di Patti contesta al senatore l’associazione a delinquere e il falso in atti pubblici. L’indagine ha sostanzialmente azzerato l’ufficio tecnico di Sant’Agata visto che l’inchiesta ha avuto al centro il responsabile dell’area, Giuseppe Contiguglia.
A Bernadette Grasso, in qualità di sindaco di Rocca di Caprileone, la procura di Patti contesta invece il reato di peculato. L’oggetto all’attenzione dei magistrati è una delibera firmata dal sindaco con la quale conferisce l’incarico a due professionisti,  Carlo Giuffrè e Vincenzo Cordone, per i quali impegna 18 mila euro ciascuno per attività di progettazione nell’ambito di “Nebrodi ospitalità diffusa” che vede coinvolti 10 comuni del circondario nebroideo, con Rocca di Caprileone capofila

Morosito