Upea – Pesaro, match ball salvezza

0
33

Momento di forte commozione in apertura della conferenza stampa pre Orlandina-Pesaro, quando il direttore sportivo Giuseppe Sindoni ha ricordato il giovanissimo Andrea Plattella scomparso tragicamente qualche giorno fa. «Oggi è un giorno importante – ha esordito Sindoni – la scorsa settimana abbiamo posticipato la presentazione dei nostri due nuovi ragazzi per un terribile evento, ma i nostri pensieri sono rivolti ancora ad Andrea. Tyrus McGee si è praticamente presentato da solo in campo a Caserta, ha disputato una gara di grande intensità mostrando ciò di cui è capace. È un ragazzo molto giovane, classe 1991, potrà certamente darci una grossa mano. Folarin Campbell – continua il Ds – è una vecchia conoscenza del campionato italiano, ha già giocato in Italia, quest’anno aveva iniziano molto bene a Ludwigsburg in Germania, poi ha subito un infortunio alla spalla da cui ha ora totalmente recuperato. È arrivato sabato e la prima cosa che mi ha chiesto è stata di potersi allenare domenica. Sono due giocatori assolutamente funzionali al nostro progetto, ci daranno ciò di cui abbiamo bisogno ovvero grande energia. Oggi a nove giornate dalla fine del campionato siamo perfettamente  in linea con le nostre aspettative iniziali. Il nostro obiettivo rimane la salvezza, ma – conclude Sindoni – vogliamo finire alla grande questa stagione per far in modo che sia una prima tappa di un lungo percorso».

Dopo la partita a Caserta in cui ha dato prova delle sue abilità siglando 14 punti nel solo primo tempo, adesso Tyrus McGee è impaziente di debuttare al PalaFantozzi: «Sono uno dei più giovani della squadra, ho tanta voglia di imparare e so che qui posso farlo perché ci sono davvero grandi giocatori e uomini. Amo giocare a basket, una volta dentro il campo sono sempre molto concentrato, ma soprattutto sono felice. Non vedo l’ora di sentire il caloro dei tifosi di Capo». Sarà la prima uscita in canotta Upea invece per Folarin Campbell: «Anche io sono impaziente, giocare con giocatori di questo calibro è un onore per me. Non ho avuto nessun problema ad integrarmi in gruppo, perché condivido con questi ragazzi lo spirito e le motivazioni».

 

Domenica contro Pesaro il PalaFantozzi vedrà per la prima volta dunque i due nuovi innesti, ma l’Orlandina non sarà comunque al completo a causa dell’infortunio che terrà fuori il capitano Matteo Soragna. Coach Griccioli è fiducioso e determinato a voler tornare a festeggiare in casa una vittoria: «Contro Pesaro sarà una gara difficile, ma è chiaro che battere Avellino e Caserta è stata una bella iniezione di fiducia. In casa vogliamo fare bene e ritornare a rendere felici i nostri meravigliosi tifosi che ci hanno seguito anche a Caserta. Pesaro si è rinforzata, ma dobbiamo preoccuparci di noi stessi e conquistare questa salvezza tutti insieme. Sono sicuro che il pubblico sarà quello delle grandi occasioni e ci darà come sempre una grossa mano.  Abbiamo due ragazzi nuovi in squadra – ha concluso Griccioli – Tyrus si inserito subito bene dimostrando grande atteggiamento anche in difesa. Folarin ha esperienza, conosce il nostro campionato, per cui non dovrebbe avere problemi a inserirsi in fretta. I conti li faremo alla fine, ma prima di ogni cosa dobbiamo vincere con Pesaro».