Giudici di pace, lo spiraglio del Milleproroghe

0
192

Passa al parlamento un emendamento al decreto Milleproroghe che consente la riapertura dei termini per il mantenimento degli uffici di giudice di pace inseriti nel decreto di soppressione del ministero della Giustizia lo scorso Novembre. L’emendamento al Milleproroghe consente il differimento al prossimo Luglio dei termini entro cui i Comuni interessati possono ottemperare a quegli adempimenti richiesti, con oneri a carico dei comuni stessi, per il mantenimento delle sedi di Giudice di Pace. Nel messinese a beneficiarne potrebbe dunque essere Sant’Agata Militello la cui sede del giudice di pace era stata per l’appunto inserita nell’elenco delle sedi soppresse per la mancata dotazione di personale, in carico al comune, necessario al funzionamento dell’ufficio. A fine Gennaio, il comune di Sant’Agata Militello, che aveva presentato ricorso al Tar contro la soppressione, aveva già ottenuto la sospensiva dal tribunale amministrativo che, aggiornando l’udienza di merito al 24 Settembre,  aveva dato 45 giorni di tempo al Ministero per un riesame della posizione del comune per un eventuale incremento istruttorio al fine di verificare la sussistenza di tutte le condizioni prescritte per il mantenimento dell’ufficio. Adesso dunque giunge l’intervento legislativo, di cui chiaramente potranno usufruire tutti i comuni, a prescindere dai ricorsi presentati e dal loro esito, a concedere il tempo utile a quelle amministrazioni interessate per sistemare le pratiche. Oltre Sant’Agata Militello, al provvedimento potrebbero essere interessate anche Santo Stefano Camastra, Milazzo, Rometta, Santa Teresa e Taormina, tutte sedi soppresse.
mancA dare comunicazione dell’approvazione dell’emendamento è stato il Senatore Bruno Mancuso, tra i promotori dell’iniziativa: “E’ una vittoria soprattutto per i piccoli comuni e per i cittadini che rischiavano di vedersi privati di una presidio fondamentale sia per loro che per il buon funzionamento  della giustizia”  afferma Mancuso , che rende noto come con un ulteriore subemendamento del gruppo Area popolare, sia stata estesa anche alle Unioni di Comuni la possibilità di  ridisegnare le circoscrizioni dei giudici di pace e le relative tabelle organiche.

Morosito