Cas, l’arresto di Bernava. I dettagli

0
114

Sarà interrogato Martedì dal Gip del Tribunale di Messina Maria Luisa Materia il geometra Agostino Bernava, funzionario del consorzio autostrade siciliane, arrestato e ristretto ai domiciliari da Sabato perché accusato di induzione indebita a dare o promettere utilità.. La misura cautelare nei confronti del tecnico 66enne è stata eseguita dagli uomini della Dia di Messina che hanno dato contestualmente esecuzione al provvedimento di fissazione dell’udienza per il 19 Febbraio, nella quale si deciderà sull’applicazione della misura cautelare  del “divieto di contrattare con la Pubblica Amministrazione” nei confronti di un’impresa della provincia di Messina. Ad incastrare Bernava, fratello del sindacalista della Cisl Maurizio, componente della segreteria nazionale ed ex segretario regionale, le dichiarazioni di un imprenditore che, nell’estate dello scorso anno denunciò di aver corrisposto denaro ed altre benefici al geometra per ottenere l’affidamento di alcuni lavori. Insieme al denunciante, quei soldi sarebbero stati versati dal titolare dell’impresa nei cui confronti si svolgerà l’udienza del 19 Febbraio. Tre gli appalti incriminati, in particolare i lavori  di pronto intervento per il ripristino delle condizioni di sicurezza per la mancata manutenzione di opere in verde invadenti la sede stradale in diversi tratti dell’autostrada A-20 Messina Palermo,  per un importo di 40 mila euro, i lavori urgenti ed indifferibili, per un ammontare di 92 mila euro,  per l’attacco del punteruolo rosso delle palme lungo la Messina_Palermo ed infine i lavori di manutenzione ordinaria di sfalcio delle erbe, lungo la stessa autostrada, per un importo contrattuale di 251 mila euro.Le investigazioni effettuate dalla  Sezione Operativa della Dia Messina, che si sono avvalse di intercettazioni e servizi di osservazione, pedinamento e controllo, nonché dell’esame di documentazione acquisita in varie perquisizioni alla sede di contrada Scoppo, hanno portato gl’inquirenti a ritenere che Agostino Bermava  prospettando agli  imprenditori futuri vantaggi, avrebbe ottenuto indebitamente l’esecuzione delle somme urgenze ad un prezzo notevolmente inferiore rispetto a quello preventivato dallo stesso ente pubblico appaltante. I militari hanno quindi perquisito l’abitazione e l’ufficio del geometra Bernava sequestrando una corposa documentazione ritenuta di particolar interesse.

 

Morosito