Furto sacrilego a Gioiosa Marea, un prete a processo

0
39

Il giudice dell’udienza preliminare presso il tribunale di Patti, Ugo Molina, ha fissato al 18 febbraio prossimo, alle 9.30, l’udienza preliminare per il rinvio a giudizio di Padre Davide Ingodi Olusi, il sacerdote originario del Kenya accusato del furto sacrilegio commesso la notte del 22 aprile 2013 nei locali dell’ufficio parrocchiale della chiesa di San Nicola di Gioiosa Marea, dove si trovavano custoditi gli oggetti sacri della Madonna delle Grazie, della Madonna delle Lacrime e del patrono San Nicola.
Il rinvio a giudizio del sacerdote accusato del furto è stato chiesto dal Pubblico ministero Francesca Bonanzinga, che sostiene l’accusa, mente l’imputato sarà difeso dall’avvocato Stefano Petrillo del foro di Roma.
Padre Davide Ingodi Olusi è accusato di essersi impossessato di oggetti in oro e oggetti sacri per un valore complessivo di 100mila euro sottratti da una cassaforte nei locali della Parrocchia di San Nicola. Parte offesa nel processo è padre Salvatore Danzì, parroco di Gioiosa Marea.

Morosito