Mutui Fantasma. la procura chiede la proroga dei provvedimenti cautelari

0
42

Una proroga della custodia cautelare per gli indagati coinvolti nell’inchiesta sui “Mutui fantasma” a Brolo, che il 18 agosto ha portato all’esecuzione di dieci provvedimenti cautelari (di cui uno in carcere e sei ai domiciliari).
L’ha richiesta la procura di Patti che intende così bloccare le scarcerazioni previste per decorrenza dei termini il prossimo 16 febbraio. I magistrati, sottolineano la complessità della ricostruzione della vicenda anche per la difficoltà nel reperimento di tutti gli atti, visto che molti degli indagati hanno continuato ad operare in Municipio quando ormai l’inchiesta era di dominio pubblico.
Un altro aspetto inedito, per chiedere la proroga della custodia cautelare, è quello relativo ad una lettera che l’ex sindaco Salvo Messina ha inviato in Procura ed alla Corte dei Conti il mese scorso. Una lettera per chiedere ulteriori accertamenti che, secondo i magistrati rappresentata una violazione degli arresti domiciliari che vietano di comunicare con l’esterno. Per ultimo, e non meno rilevante, l’aspetto legato alla definizione dell’incidente probatorio svoltosi due settimane fa su sette telefoni cellulari in uso al ragioniere Carmelo Arasi (ancora in carcere). Telefoni la cui esistenza è stata segnalata agli investigatori dal genero dell’indagato e che potrebbero contenere ulteriori notizie di reato. Il Gip deciderà martedì.