Nebrodi, tutti pazzi per gli sci

0
109

Mai come quest’anno i Nebrodi stanno regalando spettacolari scenari e panorami mozzafiato con le sue montagne imbiancate. All’interno del Parco, alle pendici del Monte Soro nel bosco della Miraglia, grazie alle abbondanti nevicate dei giorni scorsi, l’attività sulla pista di sci di fondo escursionistico, sta registrando presenze da record. Si tratta di una pista continuamente battuta dai mezzi dell’Ente Parco che, da Portella Femmina Morta, lungo la strada che unisce il comune di San Fratello con Cesarò, si inoltra per oltre 2 km verso le pendici di Monte Soro, la vetta più alta dei Nebrodi. Un percorso sicuro e studiato per raggiungere i famosi laghi del Maulazzo e del Biviere ed immergersi nella natura incontaminata lungo la dorsale dei Nebrodi. In questi giorni, oltre alla neve,  “fioccano” soprattutto le prenotazioni da parte delle scuole del territorio. Sempre più ragazzi vogliono avvicinarsi a questo sport, lo sci di fondo. A disposizione degli appassionati e delle scolaresche, Maestri di sci messi a disposizione della Federazione Italiana Sport Invernali e guide escursionistiche per i percorsi con le ciaspole, con i maestri della FederEscursionismo con cui il Parco ha stipulato un protocollo d’intesa per migliorare i servizi. Soddisfatto della riuscita del servizio il Presedente del Parco dei Nebrodi Giuseppe Antoci: “Vi è una forte sinergia e collaborazione con i Comuni di Cesarò, San Teodoro, San Fratello e Troina-ha dichiarato Antoci –  che porterà risorse economiche e nuove opportunità di lavoro per le comunità dei Nebrodi”.

 

Morosito