Truffa Medievalia, i nomi degli indagati

0
416

Truffa aggravata e riciclaggio. Sono i capi di accusa di una inchiesta che la Procura di Patti sta portando avanti sulla gestione di contributi pubblici per una associazione culturale di Brolo e che ha portato al clamoroso sequestro da parte della Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Messina della Torre Medievale di Brolo e di un immobile di proprietà di Nino Germanà, rappresentante legale dell’associazione Pickwick. Il provvedimento scaturisce da un’ordinanza di sequestro preventivo, finalizzato alla confisca per equivalente, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Patti, Ines Rigoli, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica Rosanna Casabona.
Nel corso dell’esecuzione del provvedimento le fiamme gialle hanno notificato anche sette avvisi di garanzia nei confronti di Nino Germanà, 49 anni, cugino dell’omonimo deputato regionale, Antonino Armenio, tipografo, 49 anni di Ficarra, Vincenzo Oriti  59 anni di Alcara li Fusi, Rosario Triolo 51 anni di Barcellona, Antonio Raffa, 33 anni di Brolo, Antonino Sidoti, 44 anni di Oliveri e Pietro Insana 43 anni di Brolo.
Germanà è dunque il destinatario del provvedimento di sequestro, e dovrà rispondere del reato di truffa aggravata, unitamente ad Armenio. Gli altri indagati dovranno rispondere del reato di riciclaggio.