L’Upea crolla contro Bologna

0
33

CAPO D’ORLANDO 63

BOLOGNA 72

(17-12, 37-32; 54-55)

UPEA CAPO D’ORLANDO: Archie 8 (3/4, 0/2), Freeman 11 (3/6, 0/5), Hunt 11 (5/10), Burgess 11 (4/6, 0/2), Henry 12 (3/5, 2/4); Basile 2 (1/1, 0/2), Soragna 8 (1/1, 0/2), Cochran (0/1 da 3). N.e.: Cordaro e Bianconi. All. G. Griccioli.

GRANAROLO BOLOGNA: White 12 (4/7, 0/2), Cuccarolo 5 (2/5), Gaddy 6 (3/8, 0/1), Hazell 9 (3/8, 1/6), Ray 21 (1/4, 5/7); Imbrò (0/1), Fontecchio 2 (1/3, 0/4), Reddic 15 (7/11), Mazzola 2 (1/7, 0/1). N.e.:Benetti. All. G. Valli.

ARBITRI: Sardella, Seghetti, Ranaudo.

NOTE – T.l.: CdO 14/17, Bol 10/14. Rimb.: CdO 35 (Hunt 9), Bol 44 (White 12). Ass.: CdO 12 (Henry 7), Bol 19 (Ray 7).  Progr.: 5’ 8-7, 15’ 27-27, 25’ 46-47, 35’ 60-59. F. tecn.: Valli  8’50” (14-12). F.a.: Mazzola 27’50’’ (46-49), Archie 37’10’’ (61-62). U x 5 f.: Mazzola 37’30’’ (61-64), Spett. 3000, incasso n.c.

 

L’Upea crolla nel finale (63-72) dopo una gara per larghi tratti in equilibrio, s’interrompe così una strisca di vittorie in casa che durava da 5 partite. Il punteggio finale è frutto proprio del calo negli ultimi 120’’ in cui la squadra di coach Griccioli non riesce più a realizzare. Il pubblico del PalaFantozzi come sempre è stato vicino alla squadra, dopo una serie di decisioni arbitrali abbastanza dubbie, il clima è diventato rovente. L’Orlandina non mollerà nulla fino alla fine, la testa è ora alla prossima grande sfida. La capitale d’Italia aspetta i paladini.

 

Primo Quarto.

Alley oop di Freeman per Burgess che deposita nella retina i primi due della serata. L’ala piccola prodotta da VCU è l’assoluto protagonista dell’avvio di gara, al terzo l’Orlandina è avanti 6-0, punti tutti di sua firma.Difesa aggressiva, corsa e contropiedi rapidi per i ragazzi di coach Griccioli che con la schiacciata di Argilla vanno 8-2. La Granarolo ha un sussulto e con il gancio di Cuccarolo, l’uomo più alto d’Italia con i suoi 221 cm, e una tripla di Allan Ray e impatta 8-8 al quinto. Fontecchio permette il primo sorpasso, ma l’Orlandina non ci sta e con Hunt in terzo tempo, la schiacciata di Freeman in contropiede si riporta avanti. Fischiato un fallo tecnico a coach Valli,  il primo quarto si chiude sul 17-12 per i biancazzurri.

 

Secondo Quarto.  Pick and roll di Henry con Archie che si conclude con la bella schiacciata dell’ala americana. Reddic, ex VCU come Burgess con cui erano compagni, va a segno da sotto. L’Orladina tenta la fuga e al 13esimo è 23-18. Gli ospiti però recuperano lo svantaggio grazie ad Okaro White e Ray e tornano sul -1. Non avevano però fatto i conti con Sek Henry, il play ne mette due dall’arco e grazie anche al canestro di Archie dalla media l’Orlandin prova ancora a scappare (35-29 al 17esimo). Prima dell’intervallo segna per gli ospiti Ray da 3 e Freeman in lunetta: 37-32.

 

Terzo quarto.

Al rientro sul parquet è show di Dario Hunt che segna sei punti in fila e porta sul +9 i suoi (43-34 al 21esimo). La reazione degli ospiti è però immediata e con White, Cuccarolo e Ray al 26esimo la situazione è ribaltata: 46-47. Al 26esimo gli ospiti con Mazzola da sotto vanno sul +3. Mazzola commette antisportivo su Archie, Burgess riceve nell’angolo e realizza sfruttando il fisico per il nuovo vantaggio Upea: 50-49 al 28esimo.

Il match si è ufficialmente infiammato, Reddic realizza due volte in area, ma sulla sirena del terzo quarto arriva la tripla di capitan Soragna (54-55).

 

Quarto quarto.

Si torna in campo e capitan Soragna la spiega ancora: palleggio e step back dalla media. Hazel trova però la tripla del +2 ed è tutto da rifare per i siciliani (56-58 al 33esimo). Freeman appoggiando al vetro in acrobazia, Henry trova il varco per penetrare e andare a schiacciare (60-59). Mancano 4’ alla fine, il PalaFantozzi è una bolgia. Il ferro sputa fuori le conclusioni da fuori di Basile e Henry, Ray è glaciale e realizza (60-62). Antisportivo fischiato ad Archie, Ray fa 2/2 in lunetta e poi realizza dalla media, a 1’ dalla fine è 61-66. Coach Griccioli chiama time out, ma la gara è ormai andata.

 

Morosito