Anziana uccisa, indagini serrate

0
140

E’ ancora scossa la comunità di Giammoro per la tragica fine di Caterina Basile, 87 anni, conosciuta nella frazione di Pace del Mela per avere gestito in passato un oleificio di famiglia ormai chiuso da tempo. La donna, morta nelle fasi concitate di una rapina, è stata ritrovata ieri mattina sul suo letto, imbavagliata e legata mani e piedi. Gli inquirenti mantengono il massimo riserbo sulle cause del decesso che comunque saranno chiarite in maniera inequivocabile dall’esame autoptico. Forse l’anziana ha pagato con la vita per avere riconosciuto chi si è introdotto in casa sua nella notte, passando dal retro dell’abitazione ubicata al civico 105 di Via Nazionale. A scoprire l’orrenda fine della signora Caterina è stato uno dei nipoti che, preoccupato poiché la zia non rispondeva al telefono, con l’aiuto di un amico, è riuscito a salire sul balcone al primo piano attraverso una scala, entrando così in casa della parente. Raccapricciante la scena che gli si è presentata davanti. Come contorno, la casa messa a soqquadro dai balordi, evidentemente incuranti di cosa avevano fatto alla povera anziana. I Carabinieri della Compagnia di Milazzo, giunti sul posto insieme ai colleghi del Ris di Messina e coordinati dal Sostituto Procuratore Francesco Massara, stanno conducendo una serrata attività d’indagine per risalire agli autori del vile e ignobile disegno criminale. Di certo c’è che, da quelle parti, un fatto di cronaca talmente atroce ai danni di una persona così indifesa non era mai stato raccontato e ciò potrebbe rappresentare un vero e proprio campanello d’allarme. Intanto, con l’aiuto dei parenti, gli inquirenti stanno cercando anche di capire se i balordi siano riusciti a impossessarsi di denaro o preziosi.

di Benedetto Orti Tullo