Stomboli, dottoressa santagatese cura bimbo tramite WhatsApp

0
128

Carolina Barnao, una donna palermitana che si è trasferita sull’isola di Stromboli nelle Eolie, ha deciso di chiedere aiuto ad un’amica pediatra inviando su WhatsApp, la registrazione del respiro del bimbo affetto da una prolungata bronchite. !”.  La dottoressa in questione è Delia Russo, medico di Sant’Agata Militello, in servizio presso l’Ospedale Civico di Palermo.  Alla specialista è stato sufficiente “auscultare” il piccolo paziente per individuare il problema e indicare la cura. Sull’isola c’è infatti solo una Guardia medica e manca l’assistenza pediatrica.  E’ stata la stessa signora Barnao a rendere nota la vicenda pubblicando un post su Facebook (da cui proviene la foto): “Stromboli, Italia – scrive – qui il pediatra non c’è, i bambini si! Ho curato Tommaso da una brutta bronchite grazie a Whatsapp, inviando la registrazione del suo respiro a un’amica pediatra! Viva la tecnologia, viva gli smartphone e soprattutto… Viva Delia Russo! Grazie dottoressa.  La mamma di Tommaso spiega poi all’ANSA la difficile situazione sanitaria di Stromboli, peraltro analoga a quella di altre isole dell’arcipelago.  “Guardia medica e medico di base – dice – sono molto disponibili ma non sono pediatri. Il pediatra si trova a Lipari. Di mezzo c’è il mare e d’inverno è quasi sempre agitato e rimaniamo isolati dal mondo. Beh, sarebbe opportuno avere un pediatra sull’isola almeno periodicamente. Dove sta il diritto alla salute dei nostri figli? Comunque, la cosa importante è che il mio piccolo adesso sta meglio”.