“Tribune d’Oro”, nuovo mutuo sospetto ? – Video –

0
30

Un flusso inarrestabile di denunce, querele esposti, relazioni. L’inchiesta sui mutui al Comune di Brolo non finisce mai di stupire e di arricchirsi di nuovi capitoli. E così, l’ultimo di questi potrebbe essere quello denominato “Tribune d’oro”. Il nome lo abbiamo preso in prestito dalla nuova denuncia presentata alla Procura della Repubblica di Patti dal sindaco brolese Irene Ricciardello avente ad oggetto nuovi contratti per mutui sospetti  stipulati nel periodo tra il 2007 e il 2013.  Nel mirino della nuova denuncia, finisce in particolare l’ammodernamento, eseguito negli ultimi mesi del 2007 della palestra comunale di via Quasimodo. L’intervento riguardò l’adeguamento dei posti a sedere, con l’installazione di  tribune modulari, ed il rifacimento del fondo di gioco. Lavori previsti in un progetto redatto dall’ufficio tecnico nel Settembre 2007, per un importo complessivo di 291 mila 500 euro,  da coprire con apposito mutuo, di cui venne però eseguito solo un primo stralcio per poco più di 140 mila euro, oltre ad una variante di circa 12 mila euro.  Secondo quanto denuncia oggi il sindaco Ricciardello alla procura di Patti ed alla Corte dei Conti, per quei lavori in Comune brolese avrebbe invece acceso ben due mutui distinti e separati, uno con la cassa depositi e prestiti per 291 mila 500 euro ed un altro, con identico importo, con la banca Unicredit. Il tutto, si legge nella querela, mentre a bilancio, nel 2007, risulta solo un’iscrizione pari a 140.500 euro. A supporto del proprio esposto, il sindaco Ricciardello propone una corposa documentazione allegata, in particolare, le relazioni redatte dal responsabile dell’ufficio tecnico Basilio Ridolfo, dalla responsabile dell’area finanziaria Grazia Curasì e dalla segretaria comunale Carmela Stancampiano. Relazioni che non si soffermano solo sui lavori alla palestra comunale, ma che pongono sotto la lente anche altri lavori, come il completamento della rete del metano o la realizzazione di otto alloggi popolari in contrada Piana. Tutti interventi che, stando alla denuncia della Ricciardello, sarebbero viziati da gravi irregolarità tanto nelle procedure propedeutiche all’erogazione dei mutui, quanto nella destinazione e gestione delle somme.