Sant’Agata Militello, scoperto traffico illecito di gasolio

0
133

Si riforniva di gasolio destinato alla pesca, a prezzo agevolato, per poi rivenderlo abusivamente. I militari dell’ufficio circondariale marittimo di Sant’Agata Militello e quelli della locale tenenza della Guardia di Finanza, hanno scoperto un vero e proprio traffico illecito di carburante all’interno del porto santagatese. Due le persone denunciate con l’accusa di “sottrazione dell’accisa” e violazione delle norme sulla sicurezza della navigazione, elevata una sanzione amministrativa di circa 5000 euro e sequestrato oltre 1100 litri di gasolio ed il furgone utilizzato per il trasporto dello stesso. L’attività di indagine ha permesso di appurare che un pescatore di un paese limitrofo, si riforniva di gasolio destinato alla pesca e quindi sottoposto ad imposta agevolata, presso il distributore interno al porto per poi rivenderlo sottobanco. Secondo i militari, il prodotto immesso nel mercato nero avrebbe prodotto ingenti illeciti guadagni in danno del fisco per diverse migliaia di euro. Inoltre, le indagini hanno permesso di appurare che parte del combustibile veniva illecitamente caricato su una unità da pesca con grave rischio per la sicurezza della navigazione e del trasporto marittimo. Infatti il combustibile veniva riversato in contenitori di plastica, non idonei al trasporto di liquidi infiammabili, stivati all’interno del vano portabagagli del furgone ed a bordo della barca da pesca, senza che venisse rispettata alcuna norma in materia di sicurezza relativa al trasporto ed allo stoccaggio dei combustibili liquidi.

Morosito