Mazzarrà, Lunedì le dimissioni di Bucolo?

0
297

L’appuntamento è per Lunedì mattina, al Comune di Mazzarrà Sant’Andrea. Nel corso di una conferenza stampa, il sindaco della città dei vivai Salvatore Bucolo, annuncerà, a quanto sembra, le sue dimissioni dalla carica. Un vero e proprio ciclone quello che sta investendo il comune messinese, nel mirino, mai come negli ultimi mesi, trascinato nel vortice generato dalle vicende e dall’inchiesta sulla mega discarica di contrada Zuppà. Vicende sulle quali il sindaco Salvatore Bucolo non ci vede chiaro, a tal punto da spingerlo al drastico passo delle dimissioni a soli due anni dall’inizio del suo mandato. A Bucolo non è andata giù la nomina della commissione d’inchiesta instituita dal Prefetto e disposta, con decreto del Ministero dell’Interno, per l’ accesso agli atti amministrativi, composta dal dirigente della prefettura Carmelo Musolino, dal dirigente del commissariato di Barcellona Mario Ceraolo e dal Comandante del Gico della Guardia di finanza Jonathan Pace. Oggetto dell’atto ispettivo è l’accertamento di eventuali tentativi di infiltrazione o di condizionamento di tipo mafioso nell’amministrazione comunale. Bucolo, ieri sera ha parlato dal balcone del Municipio di Mazzarrà, con un comizio pubblico nel quale ha ricalcato i concetti già espressi in un un comunicato di fuoco: “Farò di Mazzarrà un caso nazionale – ha detto il sindaco di Mazzarrà –. Solo adesso ci si accorge dopo 12 anni che la discarica era illegale. Per 12 anni, con TirrenoAmbiente che accumulava crediti per oltre 75 milioni dai comuni morosi che non pagavano il conferimento della spazzatura, è stato imposto di mantenere aperto l’impianto con la minaccia dell’interruzione di pubblico servizio. Adesso, invece, la chiusura ha provocato il dissesto dei conti: ci sono a rischio gli stipendi del personale e questo perché ho ereditato 16 mutui contratti dalle precedenti amministrazioni”. All’orizzonte per il centro mazzarrese c’è lo spettro del dissesto finanziario ed il buco lasciato dal mancato introito dell’indennizzo erogato da Tirreno Ambiente. Nei giorni scorsi il sindaco ha conferito incarico ad un legale per il recupero di crediti vantati, nei confronti del gestore dell’invaso, per oltre 12 milioni di euro. Bucolo però si sente vittima di un complotto, di detrattori che vanno contro gli interessi della comunità intera e per questo è pronto ad uscire di scena sbattendo la porta. La lettera di dimissioni sarebbe già sulla scrivania del Prefetto Trotta. Il resto lo sapremo Lunedì mattina.