Peculato, sei indagati al Comune di Montalbano

0
383
Morosito

Come è stata utilizzata la carta di credito del comune di Montalbano Elicona? Lo aveva chiesto l’opposizione consiliare in una interrogazione ed un manifesto murario e su questo ora effettuerà maggiori approfondimenti il sostituto procuratore della repubblica di Barcellona, Giorgio Nicola ed i carabinieri della stazione di Montalbano Elicona, agli ordini del maresciallo, Giovanni Catanzaro. Si indaga sul reato di peculato nei confronti di sei persone: il sindaco, Filippo Taranto, l’ex assessore, Massimo Rotella, il dipendente autista del primo cittadino, Pietro Taranto, il dirigente dell’ufficio tecnico, Antonino Furnari, il responsabile dell’ufficio turistico comunale, Vincenzo Ruggeri ed il consigliere comunale di maggioranza, Carmelo Mobilia. I fatti oggetto di indagine si riferiscono al viaggio compiuto a Sabbioneta, in provincia di Mantova, dove la delegazione montano ha ritirato un premio in quanto il comune fa parte del club dei borghi più belli d’Italia e poi ad alcune missioni a Palermo. Su questa vicenda abbiamo sentito il sindaco, Filippo Taranto, il quale ha ricordato come la carta di credito sia stata utilizzata solo per fini istituzionali, per il resto, lo stesso per gli altri, avrebbero pagato di tasca propria. Il sindaco ha ricordato inoltre che né lui, né gli assessori hanno ritirato e ritirano l’indennità di carica, lasciandola nel bilancio comunale. A questo punto, viste le dichiarazioni degli indagati e le posizioni politiche sfociate nell’inchiesta, questa servirà a chiarire tutti i dubbi sull’utilizzo della carta di credito intestata al Comune.

di Massimo Natoli