Rocca di Capri Leone in piazza per Pippo Mancuso

0
154

Candele accese, qualche applauso, tanta commozione. La comunità di Rocca di Capri Leone ha scelto un gesto semplice ma di grande impatto per dimostrare la vicinanza alla moglie ed i tre figli di Giuseppe Mancuso, il camionista disperso in mare dal 28 dicembre scorso a seguito del naufragio del traghetto Norman Atlantic.
In tantissimi hanno riempito questa sera piazza Gepy Faranda, all’uscita della messa pomeridiana, accendendo ognuno una candela con la quale hanno atteso che i familiari arrivassero sul sagrato per ringraziarli.
Poi è stato il sindaco Bernardette Grasso, che è anche legale dei familiari e che si è attivato in tutto questo tempo a tenere i rapporti con prefettura e ministero, a prendere la parola e spiegare il senso dell’iniziativa partita soprattutto dai giovani. Tanti, infatti i ragazzi che hanno voluto essere vicini a Calogero, Pamela e Rossella, i tre figli dell’autotrasportatore.
“Oggi non è il tempo delle polemiche verso chi ha perso una grande occasione per dimostrare la vicinanza delle istituzioni ai cittadini- ha affermato il sindaco- ma è la sera in cui tuta una comunità si riconosce tale e vuol condividere vicinanza e sgomento con i familiari di Giuseppe Mancuso. Queste candele accese, comunque, hanno un duplice significato: sono fiammelle di speranza affinché un miracolo ci possa ridare Pippo, ma sono anche luci che vogliono dire come Capri Leone non spegnerà mai i riflettori su questa tragedia almeno sino a quando non si avranno risposte certe su quanto è successo due settimane fa su quel traghetto”. 

Morosito