Traghettamento treni a rischio

0
365

Un’ennesima vertenza mette nel mirino la sempre più disastrata gestione della rete ferroviaria in Sicilia. E’ la sigla sindacale dell’Orsa a lanciare il nuovo allarme sui progetti delle ferrovie che metterebbero a rischio il traghettamento dei treni. Dalle indiscrezioni emerse pare che il nuovo piano prevedrebbe la cancellazione dei treni a lunga percorrenza ed un taglio netto dei convogli a Messina, ragion per cui, i passeggeri si ritroverebbero a dover scendere dal treno a Villa e a Messina, traghettare autonomamente, e quindi proseguire su un altro treno per raggiungere la propria destinazione.  “Le ferrovie si appresterebbero ad eliminare il servizio universale garantito dai treni a lunga percorrenza – denuncia il sindacato Orsa –  con la conseguente soppressione delle navi a 4 binari, il che autorizzerebbe la sospensione delle sovvenzioni Statali, circa 47 milioni di euro annui per il traghettamento dei treni da e per la Sicilia. Se così fosse – prosegue il sindacato – si tratterebbe di uno “scippo” ai siciliani, dietro il paravento della conferma del servizio di traghettamento veloce si consumerebbe l’antico sogno di dismissione delle Ferrovie nello Stretto e la negazione di un diritto consolidato che negli anni ha consentito la continuità del trasporto ferroviario fra la Sicilia e il continente”. Per l’Orsa, quindi, “ancora una volta la Sicilia sarebbe estromessa dai programmi di sviluppo del trasporto nazionale e, oltre alle penalizzazioni per l’utenza ferroviaria, si prefigurerebbe il totale trasferimento del trasporto merci dalla rotaia al gommato. La scomparsa dei traghetti ferroviari di fatto escluderebbe la Sicilia anche dalle sovvenzioni previste nella Legge di Stabilità per il trasporto merci su rotaia”.  Per tutte queste ragioni l’Orsa chiede un incontro al responsabile dell’esercizio Navigazione Rfi di Messina, Carmelo Rogolino, annunciando, in mancanza di riscontro, l’immediata mobilitazione di lavoratori e utenza. L’appello del sindacato chiama in causa anche la politica regionale ed in particolare, il deputato messinese Enzo Garofalo ed il sindaco Accorinti.

Morosito