“Sul lungomare non c’è stata aggressione”

0
122

“Nessuna aggressione è stata perpetrata da parte della signora di origini tunisine, tanto meno con un coltello”. A sostenerlo, con una lettera, è l’avvocato Graziella Collovà, legale della donna accusata dall’attuale compagna dell’ex marito (con una querela depositata in commissariato) di aver subito una aggressione la sera di lunedì scorso, nei pressi del cineteatro.
“La denuncia fatta dalla presunta vittima e dal di lei fidanzato- aggiunge il legale- costituisce senz’altro calunnia ai danni della sognora tunisina che si tutelerà anche per questo nelle sedi opportune. Per amore di cronaca si precisa che donna ha subito ancora una volta la sottrazione del proprio figlio da parte dell’ex marito quale si è fatto lecito disattendere ripetutamente i provvedimenti resi dal Tribunale di Patti”.
“Non corrisponde al vero- conclude l’avvocato Collovà- la circostanza che la signora tunisina abbia minacciato la presunta vittima con un coltello che, tra l’altro, non è stato segnalato nè ai Carabinieri nè alla Polizia intervenuti sui luoghi, né che la stessa avesse riportato danni  mentre, al contrario, è stata la mia cliente a subire le aggressioni e le violenze da parte della presunta vittima, prima, e da parte dell’ex marito, che nel frattempo era sopraggiunto”.
Ovviamente prendiamo atto e  diamo risalto alla precisazione dell’avvocato Graziella Collovà , per conto della sua assitita, ribadendo di aver riportato nell’articolo estratti di un atto di querela ben più corposo senza aver aggiunto nulla rispetto a quanto in possesso del Commissariato di Polizia di Capo d’Orlando.