Norman Atlantic, quel colpevole silenzio

0
57
Morosito

Si affievoliscono di ora in ora le speranze di trovare in vita Giuseppe Mancuso, il camionista di Rocca di Capri Leone del quale non si hanno notizie dalla mattina di domenica. I familiari, cominciano a temere il peggio e nelle ultime ore la paura cresce in tutta la comunità. Dalla Farnesina arrivano alla famiglia notizie col contagocce e soprattutto confuse. Ieri è stato riferito del trasferimento di 178 passeggeri verso la costa greca, ma appare impensabile che l’uomo in tre giorni non abbia trovato il modo di far sapere che sta bene.
«È grave – accusa il figlio del camionista, Calogero – che le notizie le dobbiamo avere dai media, solo oggi abbiamo saputo di 4 morti italiani e fino alle 13 non si sapeva chi fossero e in noi è cresciuta  l’angoscia. In Grecia abbiano degli amici spero che quando arriverà la nave ci possano comunicare se c’è mio padre, così prendo subito un aereo e lo vado a prendere».
Nel pomeriggio di ieri in paese si era sparsa la voce che la Capitaneria avesse chiesto ai familiari l’eventuale riconoscimento di alcune vittime fotografate sulla Norman Altlantic, ma la notizia è stata smentita immediatamente dalle autorità.
A preoccupare i familiari del camionista (che a quanto pare avrebbe scelto all’ultimo momento di imbarcarsi sul traghetto anzichè prendere quello dell’indomani mattina come aveva annunciato ai parenti in un primo momento) è il racconto di alcuni passeggeri che sono riusciti a tornare sani e salvi a casa.
In particolare Leonidha Ndreu, camionista romagnolo di origini albanesi ha raccontato di essere salito a bordo di una scialuppa di salvataggio che a causa delle onde altissime si è ribaltata.
Il drammatico timore, a Rocca di Capri Leone, è che anche Pippo Mancuso fosse a bordo di quella scialuppa come aveva annunciato alla moglie nella drammatica telefonata delle 5 di domenica mattina. “Abbiamo notizie frammentarie- spiega anche il sindaco Bernardette Grasso che anche ieri è stata in contatto con la Prefettura- e col passare delle ore temiamo per la sorte del nostro concittadino. E’ veramente incredibile che nessuno sappia darci notizie certe su cosa sia accaduto al momento dell’evacuazione e sulle generalità di chi si è imbarcato sui mezzi di salvataggio. Non ci resta che sperare di svegliarci presto da questo incubo”

Assurdo anche il silenzio delle istituzioni regionali. Mancuso è l’unico corregionale che risulta ancora disperso ma familiari e amministrazione comunale di Capri Leone sono gli unici a cercare di saperne di più sulle sorti dell’uomo.