Sant’Agata, approvato il bilancio

0
39

Il consiglio comunale di Sant’Agata Militello ha approvato il bilancio di previsione 2014. Nella seduta fiume di ieri sera, sono stati 16 i voti favorevoli, l’unanimità dei presenti, con 10 consiglieri di maggioranza opposizione e 6 del gruppo in sostegno all’amministrazione. Lo strumento finanziario è stato approvato con dieci dei tredici emendamenti proposti. Sono infatti passati i sei emendamenti di tipo tecnico, richiesti dagli uffici a modifica di alcune previsioni in entrata e uscita, presentati dalla minoranza e quattro dei sette presentati dal gruppo di maggioranza, che ne ha ritirato tre visto il parere negativo dell’ufficio ragioneria. Gli emendamenti approvati riguardano l’integrazione di 30 mila euro per gl’interventi all’acquedotto comunale, 15 mila euro per la definizione dell’iter del Prg e l’inserimento in entrata di 8 mila 300 euro derivanti da contenzioni conclusisi a favore dell’Ente e mai recuperati. L’ufficio di presidenza del consiglio comunale ha subito trasmesso nota al commissario ad acta inviato dalla Regione, che ha preso atto dell’avvenuta approvazione dello strumento finanziario previsionale. Tra i passaggi più importanti, il via libera al bilancio consente lo sblocco delle somme per il pagamento dei lavoratori impegnati nei cantieri di servizio già prima delle festività di Natale. La lunga seduta consiliare, con ben 23 punti all’ordine del giorno, ha visto però anche un passaggio politico da non sottovalutare. Il consigliere Calogero Carrabotta, del gruppo di minoranza in appoggio all’amministrazione, ha infatti ufficializzato la sua fuoriuscita dal gruppo del Udc, per dissensi interni nelle metodiche di gestione e coinvolgimenti a livello regionale e provinciale, dichiarandosi indipendente. Non è passata inosservata anche l’assenza dell’altro consigliere in forza all’Udc, Monica Brancatelli.

Morosito