Orlandina, c’è un nuovo presidente

0
93

Venghino signori venghino… il teatrino Orlandina propone sempre nuove esilaranti puntate. Quest’oggi parliamo di presidenti. Già perché nella società tanto cara al patron Massimo Romagnoli questi cambiano come se si trattasse di un semplice capo d’abbigliamento. Sono già tre in altrettanti mesi di campionato. Esatto dopo lo stesso presidentissimo ed il magnate italo canadese De Benedictis, ora è la volta di tal Francesco Schiariti. La data dell’insediamento dovrebbe essere il 30 novembre, ma la notizia che la società non ha ancora ufficializzato, è cominciata ad essere di dominio pubblico in queste ore. Chiariamo subito che purtroppo il nuovo presidente con il calcio non ha nulla a che spartire, Schiariti infatti è un nome completamente nuovo e fuori da ogni logica sportiva. Strategie studiate da Romagnoli e dai sui consiglieri a cui non importa più nulla delle sorti dell’Orlandina. Tra le strategie messe in atto anche quella di non divulgare i nomi facente parte del direttivo che stando ad alcune indiscrezioni dovrebbero essere: Antonino Vitale come vice presidente e poi i consiglieri, Romagnoli, Calogero Bella e un’altra new entry Marco Mondini. Della squadra? Beh di quella resta ben poco e per il momento a pochi interessa. In tutto dovrebbero essere una decina di elementi che senza un allenatore degno di tal nome, si sono ritrovati ieri ed oggi al Ciccino Micale. Ne Arcivieri, nuovo d.g. ne tantomeno Spampinato in atto direttore sportivo, hanno, fino a questa sera portato migliorie a livello di organico. Domenica c’è la gara casalinga con l’Akragas da giocare in campo neutro, a tal proposito è ufficiale che non sarà Milazzo come in un primo momento si era ipotizzato, ma forse un impianto nel catanese. Domani ne sapremo di più. Intanto è certo che la Commissione Accordi Economici della Lega Nazionale Dilettanti ha condannato 15 società dilettantistiche a pagare, così come da accordi economici ritenuti validi e vincolanti per somme non ancora corrisposte ad ex atleti tesserati. Tra le società che dovranno versare entro 30 giorni per non incappare in un deferimento alla Commissione Disciplinare Nazionale ed a punti di penalizzazione, c’è nuovamente l’Orlandina. Si tratta di € 2.300,00 da corrispondere al giocatore Giuseppe Orioles. La società di Capo d’Orlando è stata già condannata nelle scorse settimane a pagare altre due vertenze, se non dovesse adempiere, arriveranno complessivamente 3 punti di penalizzazione. Piove sul bagnato… ma, questa volta, il governo non c’entra nulla.

Morosito