Orlandina calcio: una colletta per far mangiare i calciatori

0
170

Per l’Orlandina calcio è scattata l’ora della solidarietà. Capo d’Orlando si mobilità per i giocatori abbandonati al proprio destino da una dirigenza completamente assente e che sta cercando in tutti i modi di far morire una società con oltre 70 anni di storia. Un gruppo di tifosi, infatti, si sta tassando per consentire un pasto caldo ai giocatori completamente abbandonati dalla società. Ieri sera è saltato il tappo: Saverio De Benedictis come era nelle previsioni, ha lasciato in fretta e furia Capo d’Orlando, 20 giorni è durato il suo interregno. Il presidente pro tempore prima di prendere il volo, ha fissato un’assemblea dei soci per le 21.30 di stasera, presso la sede sociale convocati: oltre a Massimo Romagnoli che non ha mai mollato la titolarità del club, Calogero ed Elisabetta Bella, in quota proprio allo stesso Romagnoli e Nino Vitale che rappresenta Renato Mangano amico e consigliere del patron. Non convocato Roberto Curasì che, stando al verbale del 31 ottobre, ne avrebbe pieno diritto. Secondo la convocazione dell’assemblea oggi, così come abbiamo anticipato ieri sera, dovrebbe rientrare in scena Paolo Arcivieri che già in estate era a Capo d’Orlando per organizzare la società, poi però non se ne fece nulla per incompatibilità con il presidentissimo. Ora questi, secondo i bene informati, arriverà con sponsor e moneta sonante, ma avrebbe messo una condizione. Quale? Pretende carta bianca. Insomma, siamo alle solite: l’Orlandina muore e i dottori al suo capezzale parlano del tempo che c’è a Milano. Intanto i dirigenti, quelli che hanno la titolarità, si sono dimenticati dei giocatori, 20 persone che vivono di calcio e che riescono a portare avanti, con questo lavoro, la propria famiglia. Si sono dimenticati che questi esseri umani devono mangiare e dormire. Bene, i ragazzi che attualmente sono a Capo d’Orlando negli ultimi giorni hanno avuto un panino a pranzo ed un panino a cena. Da bere? Si, c’è anche l’acqua tranquilli. E oggi? Anche se a Romagnoli ed ai suoi prestanome non interessa di certo, a pranzo i giocatori saranno ospiti del bar Tentazioni che insieme ad un gruppo di tifosi ha garantito loro un pasto caldo. Meno male che c’è ancora qualcuno che sa cosa sia la solidarietà…