Cento alberi per difendere la biodiversità

0
84

Cento alberi messi a dimora nel Parco di Villa Piccolo per tutelare le biodiversità e fronteggiare la globalizzazione salvaguardando le produzioni locali.
E’ l’ambizioso progetto nato a Capo d’Orlando in occasione della Giornata Nazionale degli Alberi. A promuovere l’iniziativa, l’ESA (Ente di Sviluppo Agricolo), che ha aderito alla giornata conn una manifestazione dedicata al tema della biodiversità vegetale. “Il nostro obietivo- spiega il commissario dell’Esa, l’orlandino Francesco Calanna- è quello di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importanza del patrimonio arboreo e boschivo mondiale ed italiano, al fine di tutelare la biodiversità, contrastare i cambiamenti climatici e prevenire il dissesto idrogeologico”. Nel parco della tenuta di Villa Piccolo un centinaio di studenti orlandinihanno così messo a dimora alcuni esemplari di specie autoctone, fornite dall’Orto Botanico di Palermo.
Arancio dolce sanguinello, mandarino di Ciaculli, melograno primosole, mandorla pizzuta, susino occhio di bue, pero butirra, sono solo alcune delle specie che da oggi cresceranno nel tratto di terreno antistante l’ex “centro Aias” adesso diventato sede distaccata dell’Esa nell’ambito di un importante protocollo di intesa con Fondazione Piccolo.
La piantumazione è stata preceduta da un incontro rivolto alle scuole ed al quale hanno preso parte Francesco Calanna e Maurizio Cimino, rispettivamente Commissario straordinario e Direttore Generale dell’ESA, Giuseppe Antoci, Presidente del Parco dei Nebrodi, Giuseppe Benedetto, presidente della Fondazione e Gianfranco Timpanaro, presidente del consiglio comunale di Capo d’Orlando. Durante la mattinata  si è svolto anche un momento informativo, oltre ad attività di educazione ambientale e laboratori didattici a cura dell’ Associazione
 Amici della Terra.

Morosito