Porto di Capo d’Orlando, la concessione nelle mani del Comune

0
189

Firmato a Palermo il passaggio della concessione demaniale dell’area di contrada Bagnoli di Capo d’Orlando, in cui ricade la zona portuale, al comune. Adesso l’impresa può iniziare gli attesi lavori per il completamento dell’opera. E’ stato il sindaco Enzo Sindoni a ricevere formalmente la concessione negli ufficio del demanio marittimo e adesso l’amministrazione la “girerà” alla Eurovega costruzioni,  il partner privato che compone la Società Porto di Capo d’Orlando, e che si è aggiudicata il project financing per il completamento atteso da 40 anni. I lavori prevedono l’allungamento dei due moli e il dragaggio dello specchio portuale, che porterà alla creazione di 560 posti barca. Entro novembre del 2015, infatti, bisognerà rendicontare 13 milioni di spesa che il comune potrà pagare all’impresa con i fondi già accantonati alla Regione. Da spendere, quindi, ci saranno i 7 milioni sino ad oggi vincolati presso il Ministero dell’Economia, i 12 milioni di fondi Jessica (concessi dall’unione europea tramite banche a tasso 0) e infine i 16 milioni della parte privata che le aziende che hanno costituito l’Ati hanno depositato con garanzie reali presso la Banca Intesa. Nei primi 15 giorni di dicembre è atteso l’avvio del cantiere.

 

Morosito