Appalti truccati al Cas, otto persone ai domiciliari (I NOMI)

0
113

Gli arrestati finiti ai domiciliari nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti truccati al consorzio autostrade siciliane sono i fratelli Giacomo e Antonino Giordano, rispettivamente di 43 e 46 anni, Ettore Filippi Filippi, 72 anni, Francesco Duca, 46 anni, Letterio Frisone, 61 anni, Rossella Venuto, 43 anni, Giuseppe Iacolino, 32 anni e Filadelfio Scorza, 55 anni. Il gip ha disposto la misura interdittiva per due mesi nei confronti di Andrea Valentini, 54 anni e Antonio Chillè, 53 anni. Disposto il sequestro preventivo dei beni di Letterio Frisone fino ad un massimo di 100 mila euro.
Al centro dell’inchiesta il servizio di sorveglianza attrezzata per gli interventi urgenti e l’assistenza al traffico lungo le autostrade siciliane. Un appalto da oltre otto milioni di euro truccato a tavolino, vinto inizialmente da una ditta in odor di mafia, revocato nel 2013, affidato in somma urgenza per un breve periodo e alla fine “sistemato” con l’accordo tra un manipolo di imprenditori e un dirigente del Cas.

Morosito