Sant’Agata, rifiuti per la strada

0
31

Sant’Agata Militello si è svegliata stamani con i rifiuti per la strada. Nella notte, infatti, gli operatori della Multiecoplast, affidataria del servizio da parte del Comune, non hanno svolto la raccolta dando seguito al malumore, già manifestato Lunedì scorso con un’assemblea al Comune, per il mancato pagamento degli stipendi, fermi allo scorso mese di Aprile. In quella occasione, gli operatori della raccolta avevano avuto un confronto con l’assessore Marco Vicari cui avevano chiesto lumi sui tempi di pagamento delle fatturazioni per il servizio reso. A seguito di quella riunione, e delle risposte interlocutorie ricevute, le rappresentanze sindacali avevano informato anche il Prefetto di Messina Stefano Trotta per l’attivazione delle procedure del caso. Stamani, dunque, la protesta degli operatori per il mancato pagamento delle spettanze si è manifestata con il blocco della raccolta che certo per il comune di Sant’Agata Militello ha rappresentato una faccenda piuttosto scomoda visto che la mancata raccolta dei rifiuti, per altro Sabato mattina è previsto il ritiro della frazione secca indifferenziata, è coinciso con il tradizionale appuntamento della fiera storica, due giorni nei quali Sant’Agata ospita migliaia di visitatori. In mattinata al comune santagatese sono quindi scattate le grandi manovre con una riunione d’urgenza cui hanno preso parte il sindaco Sottile, i vertici dell’impresa ed i rappresentanti dei lavoratori. L’accordo raggiunto prevede la ripresa della raccolta nella notte tra Sabato e Domenica, tale da consentire anche il recupero dei residui della fiera stessa e la pulizia dell’area, dietro impegno da parte dell’amministrazione di versare Lunedì le somme per permettere il pagamento di una mensilità di stipendio. I termini dell’intesa prevedono quindi l’impegno al trasferimento all’Ato Messina 1 della quota di 1 milione 372 mila euro, ricevuta da cassa depositi e prestiti, dal Comune alla stessa società Ato Me 1 che dovrebbe poi provvedere al pagamento alla Multiecoplast