Manodopera locale nell’edilizia, accordo sindacati – Comune Castell’Umberto

0
83
Morosito

Un protocollo di intesa per lo sviluppo e l’occupazione edile con l’impiego di manodopera locale è stato siglato a Castell’Umberto dal sindaco Vincenzo Lionetto Civa e i segretari generali di Filca Cisl Messina, Giuseppe Famiano e Fillea Cgil, Biagio Oriti. Con il protocollo d’intesa, l’Amministrazione comunale s’impegna a inserire nei contratti di appalto di lavori o servizi una clausola sociale che obblighi l’aggiudicataria ad avvalersi prioritariamente di mano d’opera locale per il 50% e, ancora, a monitorare tramite i direttori dei lavori e i responsabili unici del procedimento, il livello occupazionale nel corso della durata dell’appalto.
Inoltre, il Comune s’impegna alla vigilanza secondo le proprie competenze e responsabilità sul rigoroso rispetto in materia di lavoro e sull’applicazione dei contratti nazionali e provinciali di settore e delle norme sul collocamento, sulla sicurezza e prevenzione nei luoghi di lavoro. “Si tratta – commentano Giuseppe Famiano e Biagio Oriti – di un primo importante segnale per tutti gli Enti appaltanti della provincia di Messina. Un documento che speriamo faccia da esempio per la sottoscrizione di ulteriori impegni e accordi che favoriscano l’impiego della manodopera locale per rivitalizzare un settore in piena crisi dove i lavoratori pagano gli eccessivi ribassi nelle gare d’appalto e i margini sempre minori. Adesso continueremo a lavorare su questo fronte per sensibilizzare altre Amministrazioni locali, cominciando dal Comune di Messina”. Si tratta del primo protocollo d’intesa tra un’amministrazione pubblica e il sindacato in provincia di Messina e arriva in un Comune e in un comprensorio divenuto simbolo delle difficoltà dell’edilizia a causa dell’elevato tasso di disoccupazione dei lavoratori del settore.