Duro colpo alle cosche mistrettesi

0
126
Morosito

E’ in corso, da parte della DIA di Catania e Messina, nei territori delle province di Catania e Messina, l’esecuzione di un provvedimento di sequestro e confiscadi beni, emesso dal Tribunale di Catania nei confronti di Giuseppe Scinardo, di Capizzi,  imprenditore ritenuto uomo di fiducia del capo mafia mistrettese Sebastiano Rampulla.
Il vasto patrimonio sequestrato e confiscato, per un valore di 50 milioni di euro, risulta costituito da società, ditte individuali e numerosi immobili, tra cui vaste distese di terreno e svariati fabbricati.
Ulteriori dettagli saranno illustrati nel corso di una conferenza stampa che si terrà al Centro Operativo D.I.A. di Catania.