Capo d’Orlando, nuovo lungomare, nuovo stadio e nuovo parcheggio

0
132

Tre progetti per caratterizzare gli ultimi 18 mesi di mandato amministrativo e per lasciare a Capo d’Orlando ulteriori opere pubbliche che contribuiscano a migliorare la qualità della vita ed i servizi da offrire allo sviluppo turistico. Tre investimenti rilevanti presentati dal sindaco Enzo Sindoni in una affollata conferenza stampa a fianco dell’intera giunta e dei gruppi di maggioranza.
Un parcheggio nella zona, tra via Bruca e via Trazzera Marina, il rifacimento del manto sintetico dello stadio Francesco Paolo Merendino (con la realizzazione al suo interno, al posto del campo esistente, ma di due terreni di gioco resi possibili grazie alla scomparsa delle tribune) e soprattutto il progetto di riqualificazione del lungomare Andrea Doria compreso tra le vie S. Giuseppe e via Cordovena.
E proprio su quest’ultimo importante punto che si è soffermato il sindaco Enzo Sindoni: “Questo è il frutto del lavoro del nostro ufficio tecnico, quindi intendo subito ringraziare l’ingegner Michele Gatto che lo dirige, l’ingegner Carmelo Paratore, i geometri Nicolino Sanfilippo, Antonino Crascì e l’agrotecnico Calogero Domianello. Gli ultimi tre sono quegli articolisti e quel personale precario che rende orgoglioso il nostro comune delle battaglie per la stabilizzazione”.
Il progetto è sostanzialmente il  prolungamento del tratto già esistente che è stato inaugurato poco prima dell’estate e che ha riguardato circa 700 metri dell’intero lungomare. Adesso si punta alla riqualificazione del rimanente chilometro.
Verrà realizzata quindi la pista ciclabile, una ringhiera in acciaio al posto del muro (che sarà buttato giù), aiuola, palme e illuminazione a led. Resterà intatta la sede stradale. Il marciapiede, grazie all’eliminazione del muretto, verrà ampliato a 2 metri ed 80 centimetri. L’importo necessario è di un milione e 322.000 euro che verrà recuperato attraverso un mutuo con la Cassa Depositi e Prestiti. “Con le economie ed il ribasso- ha spiegato Sindoni- contiamo di realizzare alcune opere collaterali (tra queste anche rendere la pavimentazione omogenea nei 1.500 metri di lungomare). La presenza dell’intera maggioranza, sta a significare – ha concluso il sindaco – che questo è un percorso condiviso da tutti e che speriamo anche la minoranza vorrà sposare votando in aula per questo progetto. L’obiettivo è completare l’opera entro il 2015.”