Gruppo Bonina, nuovi licenziamenti ?

0
171

Dopo l’avvio dei licenziamenti per gli 89 della Csrs, adesso altri 160 di punti vendita di Sicilia e Calabria. Ancora riduzione di personale per i dipendenti del gruppo Bonina, una mobilità per il personale operativo nei supermercati siciliani e calabresi. La spirale di chi rischia il posto di lavoro prosegue di pari passo al taglio dei costi, finalizzato a salvare le aziende. Per la Csrs, Bonina ha chiesto al tribunale di Barcellona di essere ammesso al concordato preventivo. Per altri si profilano riduzioni, che potrebbero arrivare a 17 supermercati. Le aziende colpite dalle nuove procedure di licenziamento sono la Bondial srl, la Sicilbond srl e la Sbm srl. Inutile chiedersi in quale preoccupazione siano precipitati i lavoratori che rischiano, prolungando la mobilità senza effetti produttivi e di ritorno al lavoro, di rimanere senza più nulla. I sindacati stanno valutando tutte le possibili opzioni perché i licenziamenti non siano esecutivi;  per gli 89 lavoratori della Csrs, dopo la richiesta di ammissione al concordato preventivo, potrebbero non esserci più alcune soluzioni alternative. Per i nuovi annunciati licenziamenti, potrebbe essere praticabile, come ha richiesto la Cgil, i contratti di solidarietà, con i quali si ridurrebbero le ore e la retribuzione. In questo modo si eviterebbero licenziamenti e mobilità, in attesa che qualcosa si sblocchi per ridare ossigeno all’azienda.