Capo d’Orlando, a settembre numeri record per il turismo

0
100

Un boom inatteso e, forse per questo, più importante. Dopo il dato positivo di agosto il mese di settembre è stato per Capo d’Orlando, da incorniciare per quanto riguarda l’affluenza turistica. Numeri da record che hanno fatto schizzare del 67,5% le presenze negli alberghi cittadini rispetto allo stesso mese dell’anno precedente. Una impennata solo in parte collegabile alla clemenza del tempo che ha garantito la balneazione per l’intero mese.
Dall’analisi effettuata su tutte le strutture si evince un aumento del 33,13% negli arrivi  e del 41,50% nelle presenze (dato che va rapportato all’exploit degli alberghi con le sostanziali conferme di appartamenti, agriturismo e bed  and breakfast. Rispetto allo scorso anno esiste una struttura in più ma, dai dati raccolti dalle dichiarazioni che gli esercizi turistici inviano al commissariato di Polizia, si denota che l’aumento è diffuso a tutte le attività.
Il totale ha fatto segnare in città 2785 arrivi e ben 8947 presenze.
“Nello specifico- spiega l’ufficio turistico regionale di Capo d’Orlando- per quanto riguarda gli stranieri si nota un aumento dei turisti provenienti dal Nord Europa, dall’Europa dell’Est, dagli Stati Uniti, dal Messico e da alcuni paesi dell’Asia. In aumento anche i cosiddetti turisti “di ritorno” da Australia e Svizzera. Per ciò che concerne gli italiani, invece, si ha un incremento nei turisti in arrivo da Trentino, Val d’Aosta, Veneto,   Emilia Romagna, Liguria, Toscana ed Umbria”.
A beneficiarne, oltre alle attività ricettive, anche quelle commerciali, tra cui numerosi locali nati proprio negli ultimi mesi.
“Come amministrazione- commenta l’assessore al turismo Rosario Milone- non possiamo che accogliere con soddisfazione questo dato che ovviamente il lavoro fatto dagli operatori ma che riconosce anche quanto abbiamo fatto per continuare a garantire servizi ed iniziative anche oltre il mese di agosto. Pulizia della spiaggia, docce, appuntamenti  ricreativi sono stati mantenuti e questo può solo servire a promozionare anche per il futuro il nostro comune”.
“Questi numeri, aggiunti all’aumento che abbiamo avuto ad agosto- aggiunge Milone- ci devono servire soprattutto da stimolo per la programmazione futura. Il mercato turistico sta cambiando e dobbiamo lavorare tutti per saper intercettare le richieste di chi viaggia. Abbiamo la fortuna di vivere in un posto dove la stagione può essere allungata rispetto ai classici mesi di luglio ed agosto. Dobbiamo farlo”.