Lotte e preghiere

0
77

Una Commissione per il Lavoro, la Salute e la Custodia del Creato. E’ l’iniziativa del Consiglio Pastorale del Vicariato di San Lucia del Mela. Formata da sacerdoti e laici della parrocchie, la commissione provvederà a curare un programma di iniziative educative-culturali e di azioni pastorali per le Comunità parrocchiali con l’obiettivo di formare a stili di vita sobri ed essenziali, responsabili e solidali, coinvolgendo in particolare i giovani, gli oratori, le caritas e i consigli pastorali parrocchiali. Il primo incontro è fissato per lunedì 3 novembre alle 19 ad Olivarella, il 29 novembre è invece previsto un momento di preghiera presso la Parrocchia di San Filippo del Mela. Così i parroci del Vicariato di Santa Lucia del Mela e Milazzo hanno deciso di intervenire sulla questione ambientale, divenuta ancor più di attualità dopo l’incendio al serbatoio 513 della Raffineria di Milazzo. In un messaggio rivolto ai fedeli spiegano che, nella qualità di guide pastorali che operano nel territorio della Valle del Mela, si sentono in dovere di illuminare i fedeli in un momento di prova e smarrimento. Vogliono farlo con uno stile cristiano, richiamandosi anche al messaggio dei Vescovi Italiani in occasione dell’a 9°Giornata per la custodia del creato, redatto lo scorso 1 settembre. I parroci della Valle del Mela si appellano quindi alla necessità di fare rete, lasciandosi coinvolgere in forme di collaborazione con la società civile e le istituzioni per maturare insieme una rinnovata etica civile. Nessuno resti spettatore, ma tutti attori, vigilando con amore, pregando intensamente e accrescendo la cultura ecologica. Ricollegandosi alla Conferenza Episcopale Siciliana sulla Salvaguardia del creato e lavoro in Sicilia del 2005, i parroci spiegano che non pretendono di fornire soluzioni tecniche che non competono loro, ma solo suggerimenti e stimoli che scaturiscono da alcune riflessioni etico-religiose ispirate alla parola di Dio e alla Dottrina Sociale della chiesa. Intanto, nella giornata di ieri, ad Archi, su impulso di Padre Peppe Trifirò, si è tenuta una processione del simulacro della Madonna della Catena con l’intenzione di ringraziare la Santa Patrona della frazione per avere scongiurato qualsiasi pericolo nella notte del 27 settembre scorso.

di Benedetto Orti Tullo

Morosito