Pesanti tagli nel “gruppo Bonina”. Previsti 89 licenziamenti nelle piattaforme

0
214

La crisi colpisce duramente anche un altro comparto importante dell’economia in provincia: il commercio alimentare. Ad annunciare il ridimensionamento di organico, col licenziamento di ben 89 dipendenti sui 132 attuali, è il gruppo  che fa capo all’imprenditore di Barcellona Immacolato Bonina che chiuderà le quattro principali piattaforme logistiche della distribuzione delle merci gestite dal “Csrs Spa-Centro supermercati Regione Sicilia” creato per assicurare la fornitura di prodotti ai 43 punti vendita di Sicilia e Calabria dei marchi “Sigma” e “Mercati alimentari”.
Nel piano annunciato ai sindacati, si annuncia lo smantellamento dei  magazzini della sede centrale di via Milite Ignoto, nell’area artigianale di Barcellona, dell’area Asi di San Filippo del Mela, dell’ortofrutta di Giammoro e Villafranca Tirrena.
La “Csrs Spa”, la maggiore delle aziende del gruppo per fatturato, ipotizza l’esternalizzazione o un trasferimento a Catania.
La riduzione di personale riguarderà, come detto, 89 dipendenti, di cui 2 impiegati settore magazzino, 7 direttori di magazzino, 22 autisti, 58 addetti al magazzino. Nella sede legale e amministrativa di Barcellona resteranno 33 impiegati, 1 ispettore di gestione, un addetto alle pulizie. I licenziati saranno invece 1 impiegato e tre direttori del magazzino, 20 addetti al magazzino, 18 autisti. Piattaforma di San Filippo del Mela saranno tutti licenziati i 19 dipendenti che sono 1 direttore e 18 addetti al magazzino. Saranno tutti licenziati i 7 dipendenti della piattaforma di Villafranca Tirrena, il direttore del magazzino, 1 impiegato ed i 5 addetti alla preparazione delle merci. Tutti licenziati i 21 dipendenti della Piattaforma di Giammoro che sono i 2 direttori, 4 autisti, 15 preparatori delle merci.