“Spostare le scuole a ridosso delle industrie”

0
20

L’assessore alle Finanze del Comune di Milazzo Pippo Midili, su delega del sindaco, ha incontrato questa mattina i rappresentanti degli studenti di alcuni istituti superiori cittadini che per il secondo giorno consecutivo hanno manifestato davanti al palazzo municipale per protestare contro la scarsa attenzione che – a loro avviso – le istituzioni rivolgerebbero alla questione ambientale. Parlando con l’esponente della giunta Pino i ragazzi hanno messo in evidenza quelle che sono le problematiche che stanno provocando preoccupazione: la qualità dell’aria e la carenza di informazioni nella gestione dell’emergenza. Hanno quindi consegnato dei documenti all’assessore chiedendo che l’Amministrazione sia al loro fianco nella battaglia finalizzata a difendere il diritto alla salute e alla qualità della vita. Midili ha spiegato ai ragazzi il ruolo del Comune, quale “ingranaggio di una macchina più complessa che effettivamente ha registrato delle criticità. Non c’è dubbio che nessuno vuole sottovalutare quanto avvenuto e anzi questa deve essere l’occasione per sollecitare gli opportuni interventi in tutte le sedi, e dunque non solo in Prefettura, affinché a Milazzo, venga predisposta una attività di bonifica attraverso investimenti mirati. Nessuno – ha aggiunto Midili – mette in discussione la Raffineria, ma ritengo sia sacrosanto il diritto di chi vive su questo territorio di poterlo fare in sicurezza e nel massimo rispetto della salute”. In tal senso l’assessore, concordando con gli studenti, ha anticipato che si chiederà la delocalizzazione di quelle scuole che si trovano a ridosso delle industrie, che si porterà avanti una campagna informativa adeguata prevedendo con cadenza annuale una esercitazione quale prova di evacuazione”. Ha anche spiegato la ragione per la quale il sindaco ha deciso di non chiudere le scuole. “Non avrebbe avuto senso, visto che nessun organo tecnico di controllo ha rappresentato una situazione tale da giustificare il provvedimento. Certo mi sorprende che qualche sindaco lo abbia fatto per tre-quattro giorni, tollerando però che una scuola del suo territorio sita nell’area industriale, rimanda aperta tutto l’anno.” Infine un ultimo accenno alle cause e all’eventuale previsioni di quanto accaduto, sul quale a lungo si sono soffermati i ragazzi. “C’è un’indagine della Procura – ha concluso l’assessore –e bisogna attendere le conclusione. Tutto il resto sono voci. Il mio auspicio è che sia fatta chiarezza prima possibile. Ma il vero nodo, lo ribadisco, è partire da quanto accaduto per avviare un nuovo discorso che non deve esaurirsi dopo il momento di emotività, ma stabilire in modo razionale un nuovo rapporto tra industria e città”.

Morosito