Raffineria, sotto sequestro altri due serbatoi

0
139

Comincia a prendere corpo l’inchiesta giudiziaria per chiarire le cause del rogo che interessato la raffineria di Milazzo. Il sostituto procuratore del Tribunale di Barcellona, Francesco Massara ha conferito l’incarico al consulente esterno Antonio Barcellona, docente del dipartimento di ingegneria chimica dell’Università di Palermo. Disposto inoltre il sequestro di altre due cisterne, la 503 e la 505, cioè i due serbatoi ove era stata sistemata la virgin naptha prelevata dal serbatoio 513, poco prima dell’incendio.
Un’altra novità: il sostituto procuratore Massara sarà coadiuvato dai due colleghi Fabio Sozzio e Giorgio Nicola. Entrambi infatti hanno in carico precedenti inchieste e processi sul sito industriale milazzese. Il pool avrà così una visione quanto più completa sulle attività della Raffineria.