Raffineria Milazzo, l’incendio è spento

0
116

E’ stato completamente domato intorno alle 10 lo spaventoso incendio che si è sviluppato poco prima dell’1 all’interno della Raffineria Mediterranea di Milazzo. Il rogo sarebbe stato causato dal cedimento del tetto di un serbatoio. ”Il serbatoio – spiegano i Vigili del Fuoco – ha il tetto galleggiante, il tetto si è inclinato, quindi il prodotto infiammabile è venuto a contatto con l’aria e ha preso fuoco. Si vedrà in seguito per quale causa, probabilmente per effetto meccanico, scintille… qualcosa ha preso fuoco e quindi si è innescato l’incendio”.
Le fiamme hanno bruciato un deposito di circa un milione di litri di benzina.
Il totale spegnimento, comunque, ha permesso di sciogliere il Centro Operativo Comunale di emergenza che ha operato per tutta la notte in Municipio.
Le scuole comunque sono rimaste chiuse per l’intera giornata odierna su disposizione del sindaco Carmelo Pino.
Sul fronte investigativo, il sostituto procuratore di Barcellona, Francesco Massara, ha aperto un fascicolo contro ignoti sull’incendio e ha disposto il sequestro dell’area.  Ad eseguire il provvedimento saranno i carabinieri di Milazzo appena l’area sarà accessibile. I carabinieri sono arrivati sul posto pochi minuti dopo l’incidente, coordinati dal comandante della compagnia, Antonio Ruotolo, e di quello della stazione mamertina, Tommaso la Rosa. A sollecitare una chiarezza, anche giudiziaria, la Federazione dei Verdi di Milazzo Messina.

Morosito