Capo d’Orlando, messa in sicurezza per il faro

0
228

Nuovo prospetto ed impermeabilizzazione della copertura. Per il Faro di Capo d’Orlando, uno dei simboli della città ed in procinto di trasformarsi in “Museo del Mare”, arriva l’intervento di messa in sicurezza per oltre 100.000 euro di spesa.
A deliberarlo è stato il ministero per le infrastrutture che ha reso noto l’esito della gara a procedura negoziata.
Sarà la ditta Int.Edil Srl di Siracusa ad eseguire l’intervento grazie ad un ribasso del 34,27% sulla base d’asta dei lavori.
In pratica l’impresa eseguirà l’intervento previsto con 47.505 euro rispetto ai 72.277 messi come prezzo base del ministero. Ovviamente non c’è stato ribasso per la parte fissa, ovvero 16.755 euro per gli oneri di sicurezza ed i 49.104 euro del costo del personale.
La ditta siracusana era stata una delle tre partecipanti al bando sulle 16 invitate.
Il tutto in attesa che si sviluppi la convenzione tra il Comune di Capo d’Orlando e “Mare Fari”- Sicilia che consentirà la riapertura del Faro.
La convenzione portata avanti dall’esperto alla cultura dell’amministrazione Sindoni, Giacomo Miracola, basa il suo punto forte sugli interventi di restauro e di conservazione che Palazzo Europa farà sulla struttura grazie a fondi europei per 240.000 euro. Così saranno ripristinati i due corpi di fabbrica  la scalinata e tutto il giardino che circonda il complesso. Il progetto, inserito nelle strategie di sviluppo dei paesi costieri dei Nebrodi, permetterà la nascita del museo del mare che avrà anche due sezioni dedicate alla flora ed alla fauna del mare della costa nebroidea.

Morosito