Operazione Red Carpet. Arresti nel messinese

0
152

Aveva anche ramificazioni nel messinese l’organizzazione sgominata questa mattina dai Carabinieri in diverse città. Una indagine che ha portato a smantellare una vera e propria centrale siciliana per la ‘raccolta e smaltimento’ di rame rubato consentendo anche un maxi sequestro di ‘oro rosso’.
E’ l’operazione Red carpet, coordinata dalla Procura di Messina che ha portato i carabinieri di Caltanissetta a eseguire 4 ordinanze di custodia in carcere e al sequestro preventivo di due aziende e di 28,6 tonnellate di rame. E’ la più grossa quantità di ‘oro rosso’ sequestrata in una sola occasione sino ad ora in Italia. In manette i fratelli messinesi Alberto, Antonino e Luciano Di Basi, di 27, 31 e 30 anni, gestori della ditta Messina Metalli, con sede a Maregrosso, in via Don Blasco, e Lucia Spadaro, 38 anni, responsabile della Metal Rottami srl, con sede a Venetico. I tre centri fungevano da centri di raccolta del rame, poi trasportato a Pontedera, in Toscana, per essere fuso e immesso ancora sul mercato.

Morosito