Sant’Agata, Ridolfo responsabile dei lavori pubblici

0
104

La delibera è già pronta e sarà pubblicata nei prossimi giorni e andrà a coprire un vuoto nel settore strategicamente più importante del Comune di Sant’Agata Militello, quello dell’ufficio tecnico. L’ingegnere Basilio Ridolfo, responsabile dell’area tecnica del Comune di Brolo, assumerà l’incarico di dirigente dell’area lavori pubblici a Sant’Agata. Nel contesto la nomina permetterà a Ridolfo di assumere anche l’importante ruolo di responsabile unico del procedimento per l’appalto per il completamento del Porto dei Nebrodi. Dopo una lunga ricerca di funzionari a scavalco, dunque, le preferenze dell’amministrazione comunale santagatese sono ricadute sul tecnico, sindaco di Ficarra, nonché segretario provinciale del Partito Democratico e presidente della sezione piccoli comuni dell’Anci Sicilia. Ridolfo, tecnico certamente di grande preparazione,  ha accolto la proposta come un grande stimolo professionale, soprattutto per quanto concerne la sua attività legata al Porto, opera che di recente è ripiombata nel caos dopo le note di censura da parte della Regione ad inizio Luglio, i propositi di rescissione del contratto per inadempienza con l’impresa Cogip e le risposte altrettanto piccate della ditta stessa. L’amministrazione sta accelerando i tempi per la nomina di Ridolfo, in modo tale da consentire la sua presenza, proprio nel ruolo di Rup, all’incontro che si svolgerà a Palermo il prossimo 10 Settembre, durante il quale il sindaco Sottile si confronterà, sulle vicende dell’appalto per il Porto, con il direttore del dipartimento tecnico dell’assessorato regionale alle infrastrutture, Fulvio Bellomo. Basilio Ridolfo, che continuerà comunque a detenere le proprie mansioni a Brolo, si occuperà a Sant’Agata non solo di porto ma in generale dell’intera area dei lavori pubblici, supportato dalle professionalità tecniche già presenti all’interno dell’ufficio. A Ridolfo l’amministrazione, e tramite essa l’intera comunità, chiede dunque di sbloccare diverse opere rimaste ingarbugliate e ridare slancio ad un settore particolarmente determinante per lo sviluppo del paese che, dopo gli impeti del passato, negli ultimi tempi è sembrato segnare il passo.