“Scuole Sicure”, ecco i fondi

0
94
Morosito

Cantieri al via in 74 edifici scolastici siciliani grazie ai finanziamenti inseriti nel cosiddetto provvedimento “Sblocca Italia”, dedicato proprio alle scuole. Si tratta, in questo caso, della prima tranche, quella del capitolo “Scuole Sicure”  che trasferirà in Sicilia fondi per 51 milioni 800 mila euro e vedrà in provincia di Messina 22 comuni destinatari. Tra questi fondi per 1 milione 604 mila euro a Reitano, per la manutenzione, l’adeguamento e messa in sicurezza delle scuole materne, elementari e medie. 792 mila euro arrivano a Piraino, per la ristrutturazione e l’abbattimento delle barriere architettoniche del  plesso di Zappardino, 775 mila euro per la scuola “Verdi” di Spadafora, poi, 520 mila euro per l’edificio di Piazza Roma a Brolo, 516 mila per il plesso di Vina a Capo d’Orlando e 504 mila per la scuola primaria di Sinagra centro. Un finanziamento di 488 mila euro arriva a San Pier Niceto, per la scuola elementare Papa Luciani,  476 mila euro a Naso, 403 mila euro a Galati Mamertino, per la scuola elementare Nino Ferraù, quindi ancora a Castel di Lucio 381 mila euro per la scuola dell’infanzia, 354 mila euro a Ficarra, per il presso Marconi, 321 mila euro a Mirto e due tranche a Patti, con 100 mila euro destinati alla scuola elementare di Gallo e 85 mila per quella di Scala. L’affidamento dei lavori  deve avvenire entro il 31 dicembre, pena la revoca del finanziamento e gli enti locali interessati avranno cura di comunicare al Ministero il relativo affidamento entro 15 giorni dall’adozione dei provvedimenti. Le risorse saranno assegnate agli enti locali a partire da gennaio 2015 e dovranno essere utilizzate nello stesso anno al fine di non essere conteggiate nel computo del patto di stabilità.