Sorpresi al Rosmarino, denunciati due bracconieri

0
135

Sorpresi in flagranza di reato, due pregiudicati di Sant’Agata di Militello sono stati fermati mentre catturavano illecitamente alcuni cardellini, una specie di uccello particolarmente protetta poiché a rischio di estinzione. Il blitz che ha permesso di scovare  i due bracconieri è stato eseguito, in territorio di Torrenova, sul greto del Torrente Rosmarino, dagli agenti del commissariato di  Polizia di Sant’Agata Militello e dalle Guardie Venatorie e Zoofile dell’Ente produttori di selvaggina della Sicilia. I due sono stati denunciati per cattura, maltrattamento, detenzione e uccisione di cardellini. Ai due denunciati è stato contestato anche l’utilizzo di richiami vivi. Gli Agenti e le Guardie Venatorie e Zoofile a seguito di un servizio di appostamento hanno sorpreso i due pregiudicati che avevano piazzato sette archetti, un arcaico sistema di trappola a scatto con cappio che causa atroci sofferenze agli animali per l’amputazione delle zampe. Le trappole erano poste vicine ad una gabbia con all’interno un cardellino, che fungeva da richiamo, anch’esso con la zampa amputata probabilmente a seguito di una precedente cattura. Nel greto del Torrente trovato anche un cardellino morto, appena ucciso a seguito della cattura con l’archetto. Tutte le attrezzature rinvenute sono state poste sotto  sequestro. Successivamente, a seguito di perquisizione presso l’abitazione di uno dei due, sono stati trovati altri tre cardellini appena nati e detenuti in condizioni di maltrattamento. I due cardellini utilizzati come richiami vivi sono stati messi in libertà, mentre i tre pulcini sono stati affidati al Centro Recupero Fauna Selvatica di Messina per la riabilitazione e la successiva rimessa in libertà. Secondo gli inquirenti il fenomeno della cattura illegale dei cardellini è molto diffuso anche sui Nebrodi e dietro questa pratica ci sarebbe una florida attività illecita, alimentata da un vasto interesse economico legato alla vendita degli stessi, acquistati per il loro canto.