Capo d’Orlando, Università di Firenze presenta primo studio sul Santuario

0
244

Sarà inaugurata domani alle 19, nella Pinacoteca comunale, la mostra “Le pietre del mito – Complesso monumentale del promontorio di Capo d’Orlando”. Curata dall’Architetto Giovanni Minutoli e da Giacomo Miracola, delegato alla cultura del comune di Capo d’Orlando,  l’esposizione è realizzata grazie ad una convenzione tra il comune e il dipartimento di Architettura dell’Università di Firenze.
La mostra presenterà al pubblico gli esiti di un approfondito lavoro di ricerca e studi, condotto dall’Architetto Stefano Bertocci (Responsabile Scientifico) e dall’Architetto Minutoli, documentando il rilievo dello stato di fatto del complesso architettonico del Castello e del Santuario di Capo d’Orlando. Il tutto è stato realizzato grazie a tecniche informatiche moderne, quali il laser scanner che fornisce immagini tridimensionali e il fotoscanner che consente la visione 3 D, di ambienti altrimenti non accessibili. Le due tecniche hanno dato la possibilità di realizzare principalmente due tipi di analisi, quella delle unità stratigrafiche – per comprendere l’evoluzione storica degli edifici tramite la lettura dei palinsesti murari – e quella del rilievo e dell’analisi dei dissesti, evidenziando le lesioni e le deformazioni sul santuario – per comprendere le meccaniche dei dissesti e come le murature hanno reagito alle sollecitazioni strutturali. L’esposizione sarà inoltre corredata da una ricerca storica effettuata per capire lo stato dei due edifici all’inizio del ‘900 e da un “Tour virtuale” del Santuario e del Castello, che permetterà la fruizione visiva del promontorio senza doversi recare sul monte e dall’esposizione di quadri, appartenenti alla collezione “Vita e Paesaggio di Capo d’Orlando” che illustrano la visione artistica del monte.

La mostra fa parte di un work-in-progress che si concluderà nel prossimo autunno, con la realizzazione di un volume che raccoglierà le analisi della mostra stessa in aggiunta ad esiti di ulteriori ricerche.
La mostra presso il Centro Culturale Polivalente “Antonio Librizzi” resterà aperta fino al 7 settembre (dal martedì al sabato dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00 – domenica dalle 16.00 alle 19.00). (*SEGR*)