Guardia di Finanza, bilancio degli ultimi 5 mesi di attività

0
18

Contrasto a droga e criminalità ma soprattutto un crescente impegno nel garantire una reale concorrenza economica nel rispetto della concorrenza e della corretta impresa. Sono i numeri a certificare la qualità dell’attività svolta nell’ultimo anno dalla Guardia di Finanza provinciale. Numeri diffusi  nel corso di cerimonia per il  240° Anniversario della fondazione delle Fiamme Gialle.

Tra le operazioni più importanti dell’ultimo anno, certamente quella relativa all’abbordaggio e fermo di un’imbarcazione dedita al traffico di stupefacenti via mare con il sequestro di 7.260 chili di hashish e la complessa indagine riguardante la gestione del personale da parte di una società di capitali a partecipazione pubblica, operante nel settore dell’igiene ambientale e dello smaltimento di rifiuti. Gli accertamenti hanno permesso di rilevare l’illegittima assunzione, stabilizzazione ed utilizzazione di lavoratori in esubero all’organico, cagionando un danno erariale di oltre 10.5 milioni di euro. Nei primi cinque mesi dell’anno, inoltre la Finanza ha operato nel consolidamento ed il rafforzamento della lotta all’evasione.
Nel corso delle 332 ispezioni (tra verifiche e controlli) che hanno consentito di scoprire oltre 72 milioni di euro di base imponibile sottratta all’imposizione, sono stati scoperti 30 evasori totali e 2 evasori paratotali, che hanno nascosto al Fisco una base imponibile di oltre 24 milioni di euro.

I controlli in materia di scontrini e ricevute sono stati 2.447 ed il 42% è risultato irregolare. Sono invece 86 i lavoratori in nero/irregolari scoperti e 39 i datori di lavoro verbalizzati.

L’azione contro i patrimoni illecitamente accumulati trova riscontro nei sequestri già eseguiti, pari a oltre 600 mila euro, ed in quelli proposti all’Autorità Giudiziaria, pari a oltre 11 milioni di euro.

In materi di spesa pubblica da inizio anno sono stati denunciati 50 responsabili di frodi per complessivi 2,7 milionidi euro.

Con riferimento a sprechi ed irregolarità nell’amministrazione pubblica, i Reparti della Guardia di Finanza hanno condotto 7 interventi,  accertando danni all’Erario per oltre 151 milionidi euro.

Morosito