Milazzo piange Peppe e Cosimo

0
115
Morosito

E’ ancora scossa dalla tragedia avvenuta nelle prime ore di ieri la comunità milazzese. Quel tragico incidente stradale che ha spezzato due giovani vita e gettato nello sconforto altrettante famiglie. Parenti e amici di Giuseppe Bagnato, 25 anni e Cosimo Pace di 21 immersi nel dolore. Sui corpi dei due giovani, il magistrato di turno, Mirko Piloni, ha disposto l’esame autoptico. Soltanto successivamente, dopo la restituzione delle salme alle rispettive famiglie, si conoscerà la data dei funerali. Un triste destino, un dolore troppo grande. Giuseppe lavorava come muratore a Lipari e tornava a Milazzo solo nel fine settimana. Amava i motori e in particolare la sua Alfa 147, a bordo della quale ha purtroppo trovato la morte, morendo sul colpo. Cosimo lavorava come panettiere ed era già padre di un bambino di pochi mesi. Non aveva con se i documenti. Per identificarlo, i Carabinieri della Compagnia di Milazzo hanno fatto ricorso ai contatti presenti sul suo telefono cellulare. Intanto, proprio i Militari dell’Arma che ieri hanno eseguito tutti i rilievi del caso in Via Acqueviole sono al lavoro per ricostruire l’esatta dinamica del sinistro. Secondo una prima ricostruzione, sembra che l’Alfa 147 a bordo della quale viaggiavano i due sfortunati giovani, per cause in corso di accertamento, abbia perso aderenza con l’asfalto, toccando di striscio alcune auto in sosta sul lato destro della carreggiata, centrando un cartellone pubblicitario e una Daewoo Tacuma. Una tragica carambola e poi lo scontro con un albero. Per estrarre i corpi dei due ragazzi dalle lamiere sono intervenuti sul posto anche i Vigili del fuoco di Milazzo.