Accorinti chiude la porta ai tir

0
28

Un muro contro muro durissimo che, salvo colpi di scena dell’ultima ora, sfocerà in un provvedimento senza precedenti. Il sindaco di Messina Renato Accorinti chiude definitivamente la porta all’attraversamento della città da parte dei tir ed annuncia per il 20 Luglio l’emissione dell’ordinanza per la chiusura del cavalcavia all’incrocio tra via La Farina e via Tommaso Canizzaro, per l’accesso dei mezzi pesanti al molo Norimberga. E’ stata questa la presa di posizione dell’amminstrazione comunale dopo giorni di confronti e scontri tra amministrazione comunale ed il gruppo Franza. Pomo della discordia le nuove tabelle orarie della Cartour in vigore dal 30 giugno che causeranno l’inevitabile fiume di tir in pieno centro e in pieno giorno. Il sindaco ha dato tempo fino al 20 Luglio, per cancellare le corse diurne,tenendo conto delle prenotazioni già effettuate dagli utenti per le navi sulla tratta Messina-Salerno, in caso contrario sarà chiuso il cavalcavia. Secondo la giunta messinese, bisogna quantomeno diminuire il numero delle deroghe per gli accessi da Tremestieri a San Francesco,  per alleggerire il peso del transito dei tir in città, dirottandolo su Tremestieri e predisporre il ritorno alle corse notturne. Il gruppo Franza, si è però detto contrario alla proposta, ribadendo che gli orari Cartour sono immutabili. La trattativa si è dunque arenata giungendo di fatto alla clamorosa decisione di Accorinti. “Al primo posto c’è la vita- ha detto Accorinti- Non si può rischiare ad attraversare la strada per accompagnare un bambino. Non posso tradire me stesso, i cittadini, chi mi ha votato. In ogni caso, l’estate 2014 sarà l’ultima con questo tipo di problemi visto che dal 2015 non dovrebbero più esserci corse diurne.

Morosito