Brolo: tra debiti e nuovo movimento

0
23
Morosito

E’ stata proficua la spedizione romana del sindaco di Brolo Irene Ricciardello. Ci sarebbero infatti buone probabilità di veder restituito il famoso milione e 600 mila euro che l’ex amministrazione comunale di Brolo aveva rispedito alla Cassa depositi e prestiti. Si trattava di somme che dovevano essere destinate ai pagamenti dei debiti con i fornitori, giunte grazie all’adesione al decreto 35, ma che invece tornarono a Roma nell’ambito della controversa vicenda dei mutui fantasma, come una sorta di indennizzo per il mutuo da un milione  e 700mila euro contratto con documentazione falsa per il palazzetto dello sport che invece non fu mai realizzato. Adesso, a quanto pare, il sindaco Irene Ricciardello, con l’interlocuzione avuta con i funzionari della Cassa Depositi e Prestiti, ha ricevuto le indicazioni per sbloccare la somma che servirebbe alla sua destinazione originaria: pagare i debiti delle imprese fornitrici fino al 2012.
Intanto, la vita politica brolese si arricchisce di un nuovo protagonista: è stato infatti costituito il movimento “Trecentosessanta gradi in movimento per Brolo” che si propone l’intento di stimolare il dibattito ed il confronto socio culturale. Si vogliono organizzare corsi di formazione, convegni, dibattiti, inchieste e seminari, ma anche incontri pubblici, manifestazioni e mostre. Il movimento intende poi pubblicare e diffondere anche attraverso siti internet una rivista di informazione e di dibattito per informare sull’attività svolta. Uno spazio di informazione che evidenzi le cose che non funzionano, non per polemica ma per migliorarle affermano i responsabili nel neonato movimento: Presidente è stato eletto Salvatore Garito, vicepresidente Antonio Scaffidi mentreEmanuele Ricciardo  è il Segretario.